Home » pagine di gentilezza » diario 2018 » 28 Marzo 2018 "tutti i grandi sono stati bambini, ma pochi se lo ricordano"

28 Marzo 2018 "tutti i grandi sono stati bambini, ma pochi se lo ricordano"

28 Marzo 2018 "tutti i grandi sono stati bambini, ma pochi se lo ricordano" - il blog di Nardi Luca

Il Piccolo Principe, il fantastico racconto scritto da Antoine de Saint-Exupéry,  per i bambini e per ricordare agli adulti di essere stati bambini, racchiude al suo interno diverse conoscenze gentili, che emergono solamente 

 leggendo la storia con attenzione, proprio come consigliato dall'autore "Non mi piace che si legga il mio libro superficialmente..". Con lo spirito del ricercatore, i bambini della scuola primaria di Salassa, hanno iniziato il corso su Il Piccolo Principe conosciuto coi Giochi della Gentilezza, per approfondire e scoprire ciò che  Antoine de Saint-Exupéry ha voluto trasmettere attraverso le sue parole. Proprio le parole, quelle gentili, per la precisione 24, rappresentano il filo conduttore del corso, durante il quale i bambini giocheranno con I Giochi della Gentilezza, contestualizzati uno per ciascuna parola, che sintetizzeranno le frasi più significative. Le prime 3 parole con cui i bambini hanno giocato sono state: ricordi, spiegazione, immaginazione. Per quanto riguarda i ricordi, dopo avere coinvolto i bambini in un gioco di memoria tematizzato, ho spiegato loro che l'autore tratta i ricordi per evidenziare come spesso gli adulti si dimenticano di essere stati bambini e di quanto la vita é bella anche se viene vissuta con un po' di leggerezza, proprio come sanno fare i bambini. Dopo avere chiesto loro cosa  gli adulti spesso  si dimenticano di quando erano bambini? Le risposte date dagli alunni sono state:  di giocare, degli amici, di sognare. Una riflessione corretta é stata invece che i nonni sanno ancora giocare. A questo proposito, un invito che ho fatto, é stato di provare a trascorrere più tempo a giocare coi propri genitori. Per approfondire la conoscenza delle parole immaginazione e spiegazione i bambini hanno prima giocato con una scatola, proprio come quella disegnata dall'autore del libro per il Piccolo Principe, per proseguire a divertirsi con un gioco artistico, durante il quale, divisi in gruppetti, hanno realizzato diverse pecore, proprio come richiesto dal Piccolo Principe; per spiegare il proprio risultato artistico, i bambini hanno quindi inventato diversi racconti...perché, "gli adulti hanno sempre bisogno di spiegazioni". Sono stato molto entusiasta di come i 4 gruppi classe si sono posti, con interesse e partecipazione, per scoprire i "segreti" del Piccolo Principe, che avevano già conosciuto precedentemente attraverso le immagini presentate dagli insegnanti di classe. 

"L'immaginazione é più importante della conoscenza."  A. Einstein

Luca Nardi  

 

Leggi l'attività ludica che propongo dagli Asili Nido alle Scuole Secondarie di Primo Grado,  PER APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DELLA GENTILEZZA A SCUOLA PER STARE BENE INSIEME 

commenti (0)

rubrica SI, DAI, DICIAMOLO

rubrica SI, DAI, DICIAMOLO - il blog di Nardi Luca

racconta la tua esperienza di gentilezza

rubrica SI, DAI, DICIAMOLO - il blog di Nardi Luca

racconti sulla gentilezza condivisi dei visitatori del sito

Giocopedia della Gentilezza

Giocopedia della Gentilezza - il blog di Nardi Luca

Giornata Nazionale dei Giochi della Gentilezza

Giornata Nazionale dei Giochi della Gentilezza - il blog di Nardi Luca

I Giochi del Cuore

I Giochi del Cuore - il blog di Nardi Luca

ORDINA IL MANUALE

Grazie dell'attenzione

Seguimi su Instagram

Seguimi su Instagram - il blog di Nardi Luca

Seguimi su Twitter

Seguimi su Twitter - il blog di Nardi Luca